Dipartimento di Scienze dell’Educazione

Home

Persone - Curriculum

Elena Luppi

Professoressa associata
Dipartimento di Scienze Dell'Educazione "Giovanni Maria Bertin"
Bologna, Italia

Progetti: 8

Settore Scientifico Disciplinare: M-PED/04 Pedagogia sperimentale

41Dipendente

Ha conseguito la Laurea in Scienze dell'Educazione indirizzo “Esperto in processi formativi” nel 2001 presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Bologna (con lode).

Ha conseguito il titolo di Dottore di ricerca in Pedagogia, presso il Dipartimento di Scienze dell'Educazione "Giovanni Maria Bertin" dell'Università degli Studi di Bologna nel 2005.

Dal 2019 è Professoressa Associata in Pedagogia Sperimentale (M-PED/04) presso il Dipartimento di Scienze dell'Educazione "Giovanni Maria Bertin" dell'Università degli Studi di Bologna. 

E' delegata del Rettore dell'Università di Bologna per l'innovazione didattica.

ATTIVITÀ DI RICERCA

Il percorso di ricerca si articola principalmente su tre tematiche di studio.

- Svolge attività di ricerca sulla terza età da un punto di vista pedagogico: ha realizzato ricerche empiriche negli ambiti educativi per anziani, nei servizi per anziani fragili e nelle residenze sanitarie assistenziali. Ha analizzato, progettato e realizzato modelli di intervento educativo per la promozione del dialogo intergenerazionale.

- Si occupa di genere ed educazione, svolge attività di ricerca empirica, formazione e ha partecipato a progetti europei su questa tematica. E' referente italiana per l’Università di Bologna nell’associazione internazionale WITEC (European Association for Women in Science, Engineering and Technology). E' responsabile scientifica del centro Studi sul Genere e l’Educazione del Dipartimento di Scienze dell'Educazione dell’Università di Bologna.

- Svolge attività di ricerca formazione e ricerca valutativa negli ambiti dell'istruzione, della formazione professionale, nell'istruzione primaria, secondaria e nell’Università. Ha partecipato a progetti nazionali e internazionali di ricerca-formazione negli ambiti della formazione professionale e dell'istruzione primaria e secondaria.

È responsabile scientifica del Centro di Ricerche Educative sulla Professionalità Insegnante CRESPI del Dipartimento di Scienze dell’Educazione G. M. Bertin.

DESCRIZIONE DELLE RICERCHE

- Il primo filone tematico è relativo all'analisi e alla delineazione di un approccio pedagogico alla terza età. Il percorso di ricerca su questo settore si è avviato con la ricerca dal titolo “Pedagogia e terza età” (2002 -2005) in cui ha effettuato un’indagine empirica con la collaborazione dell'Università per la terza età Primo Levi, con la Libera Università Tincani e con i Centri Sociali Anziani di Bologna.

Il percorso è proseguito con la Ricerca (2006-2007) dal titolo “ Anziani e cittadinanza attiva ” grazie alla collaborazione con il Settore Servizi Sociali Quartiere Reno del Comune di Bologna. La ricerca ha previsto la realizzazione di un'indagine sul campo per valutare l'impatto di un progetto realizzato dal Quartiere (Progetto ESA per il monitoraggio degli anziani soli) con la finalità di individuare linee per la progettazione e valutazione di attività rivolte agli anziani e finalizzate a promuovere negli stessi il pieno esercizio della cittadinanza attiva.

Ha svolto un progetto di ricerca valutativa "Valutare e innovare i servizi per anziani fragili e non autosufficienti" (2010-2015) per la definizione e valutazione di standard di qualità nella cura dell'anziano in residenza assistenziale in collaborazione con le CRA (Case Residenze per Anziani) Villa Ranuzzi e Villa Serena (Bologna).

E' responsabile scientifica per Unibo del Progetto Europeo Erasmus+ SALTO Social Action for Life Quality and Tools. Il progetto si propone di proporre strumenti di innovazione nella formazione dei lavoratori sociali e sanitari attraverso la valorizzazione dell’animazione sociale, da considerare come elemento terapeutico istituzionale, e non più solo come semplice attività occupazionale o ludica, al fine di innalzare la qualità della vita delle persone anziane e disabili. Il progetto coinvolge enti di formazione di Francia (coordinamento), Italia, Spagna e Croazia.

- Svolge attività di ricerca formazione e ricerca valutativa negli ambiti dell'istruzione, della formazione professionale, nell'istruzione primaria, secondaria e nell'Università.

Ha partecipato alla ricerca “La Qualità nei percorsi N.O.F.” (2003-2004) studio esplorativo sui corsi del Nuovo Obbligo Formativo di Bologna finanziato dalla Provincia di Bologna-Servizio Formazione e finalizzato a costruire un disegno di monitoraggio della realtà dei corsi NOF nella Provincia di Bologna.

Ha partecipato al progetto “DIDO” (Diritto DOvere all'istruzione e formazione) (2004 -2006);: Monitoraggio sui corsi dell'Obbligo Formativo Integrato per le Province di Forlì-Cesena e di Rimini.

Ha partecipato al progetto pilota “Gli standard formativi minimi relativi alle competenze di base e i percorsi per l'assolvimento del diritto-dovere” (2005- 2008), progetto di ricerca formazione finalizzato alla rivisitazione della progettazione del curricolo per l'assolvimento al diritto-dovere nella Formazione Professionale alla luce delle indicazioni nazionali sugli obiettivi finali previsti dagli Standard formativi minimi nelle competenze di base (Conferenza Stato-Regioni, 15/01/04)

Ha partecipato al progetto Europeo COMENUS 2 EPIDORGE "Elèves et pouvoir d'initiative dans l'organisation quotidienne de l'établissement" (2002-2008) che ha coinvolto otto scuole secondarie superiori di sei paesi europei (Belgio Francia, Italia, Olanda, Slovenia, Romania), l'Università di Bologna, i centri di ricerca e formazione ENESAD, CEMPAMA, Francia, l'Università di Cluj Napoca Romania, l'Università di Maribor Slovenia. Il progetto ha previsto un percorso di ricerca-formazione rivolto agli insegnanti degli istituti coinvolti e finalizzato ad offrire agli allievi competenze e strumenti per aumentare il margine di iniziativa nella vita scolastica. Ogni equipe coinvolta nel progetto ha sviluppato un percorso focalizzato sull'empowerment degli allievi e sul loro coinvolgimento nella scuola come organizzazione che apprende.

Ha partecipato al progetto di ricerca dal titolo “Progettare e realizzare strumenti di e-learning per la promozione della cittadinanza attiva e dell'educazione ambientale per giovani, adulti e anziani” con il cofinanziamento dalla Regione Emilia-Romagna. (2008-2010). Il progetto, orientato alla realizzazione di interventi educativi finalizzati ad offrire conoscenze sulla sostenibilità e a stimolare nei soggetti coinvolti, atteggiamenti di impegno, rispetto e tutela nei confronti delle risorse socioambientali del territorio ha portato alla realizzazione di Learning Object per la formazione di insegnanti, educatori ed operatori ambientali sul tema dello sviluppo sostenibile.

Ha partecipato al progetto Europeo Net4voice “New technologies for Voice-converting in barrier-free learning environments”. (2007-2009) Progetto che ha coinvolto tre Università (l'Università di Bologna, l'Università di Southampton Gran Bretagna e l'Università di Ulm- Germania) e due scuole secondarie superiori (Istituto Professionale di Stato per i Servizi Sociali "Iris Versari", Italy; Totton College, Gran Bretagna). finalizzato a promuovere l'adozione di tecnologie di riconoscimento vocale come opportunità didattica.

Ha partecipato al progetto COMPRENDO “Cantieri aperti per la scuola di base” realizzato dall'Ufficio scolastico regionale l'Emilia-Romagna (2011- 2013). Il progetto era finalizzato a fare un bilancio sulla situazione delle scuole della regione in merito all'attuazione transitoria delle Indicazioni per il curricolo (DM 31-7-2007) focalizzando l'attenzione sulle questioni educative e didattiche.

E' stata responsabile scientifica per Unibo nel progetto europeo Erasmus+ “Pédagogie de Chantier. Recréer Des Perspectives Professionnelles Chez Les Jeunes À Travers Les Approches Méthodologiques De Formation À La Pédagogie De Chantier" (2015-2016). Un progetto che ha coinvolto, oltre all'Università di Bologna, enti di formazione professionale di Belgio, Francia, Corsica, Grecia e Slovacchia, con lo scopo di sviluppare metodologie pedagogiche innovative per contrastare la dispersione scolastica e favorire l’inserimento nel mercato del lavoro di giovani adulti in situazione di fragilità. Il progetto ha permesso di sviluppare strumenti di formazione dei formatori e degli insegnanti, per promuovere la logica innovativa della “Pedagogia di cantiere”.

È coinvolta nella progettazione e realizzazione di una ricerca valutativa per il Corso di studi in Discipline Infermieristiche della Scuola di Medicina e Chirurgia dell'Università di Bologna. Il progetto si propone di effettuare un percorso di monitoraggio del Corso di studi in Discipline Infermieristiche che permetta di acquisire informazioni sulle competenze degli studenti, sull'efficacia dell'offerta formativa e dei percorsi di tirocinio in un'ottica di ricerca valutativa educativo-formativa con l'utilizzo di metodologie di analisi qualitative e quantitative.

E' stata responsabile scientifica per Unibo del progetto europeo Erasmus + "SOCCESS" Social Competences, Entrepreneurship and Sense of Initiative Development and Assessment Framework finalizzato a sviluppare metodologie innovative per la valutazione delle competenze trasversali nella formazione all’imprenditorialità. Il progetto coinvolge Università della Gran Bretagna, Olanda, Francia e Bulgaria dal febbraio 2015.

E' responsabile scientifica per unibo del progetto “Entrepreneurship Competence Framework Self-Assessment Tool for young Europeans (EntreSAT4Youth) è finanziato dall’European Commission Joint Research Centre. Lo scopo del progetto è la validazione di strumenti di valutazione e auto-valutazione delle competenze imprenditoriali descritte nell’Entrepreneurship Competence Framework (EntreComp).

- Ha realizzato attività di ricerca e formazione sulla tematica genere ed educazione. Il lavoro su questo filone di ricerca si è articolato nelle seguenti attività:

è referente accademica dell'Università di Bologna per l'associazione internazionale WITEC (European Association for Women in Science, Engineering and Technology).

WiTEC è una rete europea per la promozione della presenza femminile nei contesti scientifici, ingegneristici e tecnologici. Gli obiettivi principali dell'associazione sono i seguenti:

  • aumentare il numero delle ragazze impegnate negli studi scientifici e tecnici ed aiutarle nella loro carriera;
  • sviluppare le capacità tecniche ed imprenditoriali femminili attraverso corsi di formazione e progetti mirati;
  • incrementare lo scambio di informazioni e le opportunità di cooperazione per le donne che operano nelle aree scientifiche e tecniche;
  • promuovere e supportare la ricerca nelle aree tradizionalmente non femminili.

è responsabile scientifica del centro Studi sul Genere e l'Educazione del Dipartimento di Scienze dell'Educazione.

Nel 2001 ha realizzato, in collaborazione con il CETRANS (Centro per le transizioni al lavoro e nel lavoro) per la Provincia di Forlì-Cesena il CD ROM "Donne e lavoro" strumento di sensibilizzazione, informazione e formazione sulle problematiche che caratterizzano il rapporto fra donne e mondo del lavoro rivolto a studentesse, lavoratrici e donne in condizione di transizione lavorativa.

Ha partecipato al progetto “Processi di genere nel percorso scolastico superiore: problematiche e potenzialità educative” del Dipartimento di Scienze dell'Educazione - Università di Bologna – avviato nel 2009 e finalizzato ad approfondire il rapporto tra adolescenza, genere, istruzione-formazione e partecipazione sociale tramite un'inchiesta campionaria condotta su circa 2000 studenti dell'ultimo anno di corso delle scuole secondarie di 2° grado, somministrato nelle province di Bologna e di Rimini.

E’ stata responsabile scientifica per unibo del progetto Europeo Leonardo Da Vinci Empowering Women (2011-2012) che ha coinvolto l'Università di Reykjavik (IC), di Tallin (EE), la società Inova Consultancy di Sheffield (UK), finalizzato a realizzare un modello innovativo di formazione all'imprenditorialità per le donne in ambito tecnico-scientifico.

Ha partecipato, con funzione di supporto esterno, al progetto Gruntvig LLP (Lifelong Learning Programme) TYNET 50+ (2013-2014) che ha coinvolto otto paesi europei (Spagna, Estonia, Germania, Grecia, Italia, Olanda, Inghilterra) con la finalità di promuovere l'alfabetizzazione tecnologica per le donne di età superiore ai 50 anni, in modo da permettere loro di fruire attivamente delle risorse delle tecnologie della comunicazione, di essere utenti attive del web e di acquisire gli strumenti necessari a restare in contatto con le giovani generazioni.

Fa parte del gruppo di ricerca dell’Università di Bologna dal 2016 del progetto Horizon 2020 PLOTINA: Promoting Gender Balance and Inclusion in Research, Innovation and Training”. Coordinato dall’Università di Bologna. Il progetto, finanziato nel contesto del capitolo "Science with and for Society", coinvolge università del Regno Unito, della Spagna, della Slovenia, dell’Austria, della Turchia, del Belgio e si si pone l’obiettivo di arrivare all'elaborazione, all’attuazione e alla valutazione di piani per l'eguaglianza di genere (GEP) costruiti su misura per ciascun Ateneo, rendendo disponibili gli strumenti sua una piattaforma web open source.

Ha svolto attività di ricerca empirica su opinioni, atteggiamenti e i fabbisogni formativi degli studenti di area scientifica dell’Università di Bologna, relativamente alle questioni di genere.

E' attualmente coinvolta, insieme all'Università della Calabria, all'Università La Sapienza, all'Università Federico II di Napoli e altri Atenei italiani, in un progetto per lo sviluppo di un modello formativo innovativo per la prevenzione e il contrasto al sessismo e all'omofobia per la formazione del personale delle pubbliche amministrazioni.

 

CONVEGNI

. Ha presentato il contributo “Gender, Diversity, and Inclusion : Identities and Challenges for the Magna Charta” alla cerimonia di Firma della Magna Charta Universitatum XXVIII Anniversario che si è tenuta in videoconferenza con l’Università di San Paolo del Brasile all’Università di Bologna il 21 ottobre 2016 (su invito).

. Ha presentato il contributo Comment la visée émancipatrice participe-t-elle de l'accompagnement au changement? alla Journée scientifique “Quand la science accompagne le changement : dialogues et relations” 2 settembre 2016 Université Toulouse II Jean Jaurès, UMR EFTS. (su invito)

. Ha presentato il contributo WiTEC: Women in Science Engineering and Technology alla Lecture “Technologies and research competition. What does this have to do with gender equality? A discussion on the hit examples of the H2020 PLOTINA project and the WITEC network” 8 marzo 2016, ISA – Institute of Advanced Studies Università di Bologna. (su invito)

. Ha presentato il contributo L’apprendimento nella terza età in un contesto intergenerazionale Convegno: In dialogo con le fragilità nascoste degli anziani. 25 febbraio 2016, Università di Padova. (su invito)

. Ha presentato il contributo A more self-aware Country, in Hydrogeological Risk Management: Gender (Women - Men) Issues And Impacts Thursday 29th October 2015, Senate of Italian Republic. (su invito).

. Ha fatto parte del comitato scientifico della conferenza ELOA, dal titolo "Lifelong learning for older adults: Hopes, fears and expectations" tenutosi a Jönköping (Svezia) nell'ottobre 2015.

· Ha presentato, come keynote speaker, il contributo Intergenerational solidarity: learning and developing together, Senior Citizens and Young Children Building Age-Friendly Communities in Europe' alla Final International Conference TOY (Together Old and Young) Project, Leiden (NL), il 28 ottobre, 2014 (su invito).

· Ha fatto parte del comitato scientifico della conferenza ELOA, dal titolo Innovation in Older Adults Learning, Theory, Research and Policy tenutosi a Malta nell'ottobre 2014.

· Ha presentato il contributo: L'importanza di progettare percorsi intergenerazionali: tra memoria, comunicabilità e nuove prospettive al Convegno Giovani vs Anziani: nuove relazioni tra generazioni e culture, Salesiani per il sociale, Roma, 10 maggio 2014 (su invito).

· Ha presentato il contributo Invecchiamento e intergenerazionalità, opportunità di lifelong learning individuale e sociale ” al convegno di presentazione dei risultati della ricerca sulle iniziative intergenerazionali di apprendimento: buone pratiche, pedagogia e solidarietà” progetto europeo “TOY – Together Old and Young - anziani e bambini assieme” Roma il 17 ottobre 2013. (su invito)

Ha presentato il contributo, Learning in late adulthood: is ICT a special challenge alla conferenza “Work, Well-being and Wealth: Active Ageing at Work” organizzata dal Finnish Institute of Occupational Health a Helsinki (Finlandia) dal 26 al 28 agosto 2013. (su invito)

· Ha presentato il contributo Assessing the Quality of Care in Retirement Home, al Workshop “Leading Innovation in care”, Università degli Studi di Verona, organizzato presso il Corso di dottorato in Scienze dell'Educazione e della Formazione Continua - Centro di Ricerca Psico-sociale nei servizi alla persona, 8 maggio 2012. (su invito)

· Ha presentato il contributo - Promoting quality in Elderly care, alla Conferenza del Progetto europeo Elcanet “Family support in elderly care policies”, Ravenna il 3 dicembre 2012. (su invito)

· Ha presentato il contributo, Training to intergenerational dialogue and solidarity, alla Third Conference of the ESREA Network on Education and Learning of Older Adults Ljubljana, 19-21 Settembre 2012).

· Ha presentato, insieme a K. H. Falgren, il contributo, Empowering women through vocational training. methodologies and first results of the Leonardo Project Eempowering Women” EDULEARN12. 4th International Conference on Education and New Learning Technologies. International Association of Technology, Education and Development (IATED), Barcelona, 2-4 luglio 2012)

· Ha presentato il contributo Training to Education for Sustainable Development through e-learning alla 3rd World Conference on Educational Sciences, Istanbul - Turchia, 3-7/02/2011)

I miei contatti

Dove sono

Scopri come usare
Strumenti